PlantNet sta alle piante, come Shazam sta alla musica.

L’app permette di individuare le piante per la raccolta, l’annotazione e la ricerca d’ immagini. E’ stata sviluppata da un consorzio che riunisce scienziati provenienti da CIRAD, INRA, IRD e la rete Tela Botanica nell’ambito di un progetto finanziario della Fondazione Agropolis.

Schermata 2015-06-14 alle 16.51.29

L’app integra un sistema di supporto per l’identificazione automatica di piante a partire da foto a confronto con le immagini di un database botanico. I risultati sono utilizzati per trovare il nome botanico di una pianta, se è sufficientemente illustrato nella base. Gli svilupaptori spiegano che l’applicazione funziona su più di 3.700 specie di piante selvatiche della flora francese (metropolitana). Il numero di specie incluse e il numero di immagini utilizzate evolvono con i contributi al progetto. L’applicazione non consente l’identificazione delle piante ornamentali o orticole. Funziona meglio quando le foto sono focalizzate su un organo o una parte precisa della i pianta. Immagini di foglie d’albero su fondo uniforme forniranno i risultati più rilevanti.

Dai primi rapidi test che abbiamo effettuato, non sempre si è dimostrata affidabile e funzionante. L’idea ad ogni modo è geniale e se l’app migliorerà in futuro, potrebbe essere veramente interessante e utile. È ad ogni modo possibile partecipare al progetto trasmettendo le proprie osservazioni con il pulsante “contributo”. Questi contributi saranno oggetto di un processo di moderazione e convalidati in modo collaborativo.

Vi lascio al video più che esaustivo. Buona visione.

 

Per restare sempre aggiornato puoi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook o Google+ e leggere i miei articoli via RSS. Dimenticavo, puoi seguirmi anche su Instagram!