Canone Rai 2016 a 100 euro, per tutti, quasi certamente addebitato nella bolletta della luce, per combattere l’evasione e ridurne il costo, che ad oggi si attesta a 113,50 euro. Queste in breve le dichiarazioni di Renzi rilasciate in tv, riguardo la tassa televisiva, che hanno immediatamente innescato un coro di proteste da ogni fronte.

Canone-rai

I più irritati sono i cittadini, seguono a ruota le associazioni di consumatori per le quali un’operazione di questo genere sarebbe illegittima e incostituzionale.

L’opinione di Altroconsumo, che a inizio 2015 aveva lanciato una raccolta firme per l’abolizione del canone rai tv, è che:

è solo un bancomat pubblico che viene venduto come una riduzione del canone Rai 2016, quando invece quello che servirebbe è una riforma sostanziale, che punti al dimagrimento ed elimini il giogo politico sulla tv pubblica.

L’Unione nazionale Consumatori e anche il Codacons sottolineano che:

la legge prevede che a pagare il canone sia chi detiene un apparecchio e non chi ha una fornitura elettrica. Senza una modifica delle attuali normative l’inserimento del canone in bolletta sarebbe illegale. In base al regio decreto legge del 21 febbraio 1938, numero 246, tale imposta si applica solo a chi possiede un apparecchio adibito alla ricezione di radioaudizioni televisive nel territorio italiano. Per questo snaturare il canone vincolandone il pagamento a una bolletta sarebbe illegittimo, poiché non garantisce il verificarsi della condizione essenziale per il pagamento dell’imposta, ossia il possesso di un televisore o altro apparecchio atto a ricevere frequenze tv.

Coro di no anche dalle società elettriche che non si dichiarano disposte a fare da esattori al posto dello Stato.

Non mancano poi le contestazioni dei politici di opposizione, la cui opinione comune è quella di eliminare il Canone Rai una volta per tutte.

 

Infatti è noto a tutti che l’evasione del Canone RAI si aggiri intorno al 30% con un peso sullo stato tra i 500 ed i 600 milioni di euro. Ora però le cose dovrebbero cambiare e con l’inclusione nella bolletta elettrica, tutti pagheranno, mentre chi pagava anche prima, avrà una riduzione del canone.

E’ bene notare come già l’anno scorso si era parlato del canone RAI in bolletta, ma con cifre che si aggiravano tra i 60 e gli 80 euro mentre ora si tira al rialzo e dunque non proprio una diminuzione drastica ma un semplice ritocco al ribasso vista la gabola che chiunque possieda l’energia elettrica dovrà pagare il canone RAI.

Non tutti sono d’accordo, in in primisi Assoelettrica, che per voce del suo presente Chicco Testa, aveva sollevato dubbi sulla manovra sottolineando la confusione che si sarebbe venuta a creare nella gestione della riscossione delle bollette dell’energia. Ma anche le associazione dei consumatori si erano dette contrarie. Insomma ne vedremo delle belle su questo Canone RAI che dovrebbe chiamarsi Tassa di possesso del TV ed energia elettrica perchè non è solo il Canone RAI ma chiunque voglia accendere anche una lampadina in casa a pagare alla RAI.

Per restare sempre aggiornato puoi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook o Google+ e leggere i miei articoli via RSS. Dimenticavo, puoi seguirmi anche su Instagram!